Cosa cambia nel traffico dei pagamenti?

Bonifici

Le attuali procedure di bonifico delle banche (DTA) e di PostFinance (OPAE) vengono armonizzate utilizzando lo standard ISO 20022 e allineate alla nuova norma ISO XML. Questo passaggio è vincolante per tutti i fornitori di servizi di pagamento in Svizzera. Dal 2021 verrà usato esclusivamente l’IBAN come caratteristica identificativa primaria delle coordinate bancarie. Tutti i formati del numero di conto specifici dei vari Paesi saranno sostituiti senza eccezioni dall’IBAN, usato per la maggior parte già adesso.  

Gli ordini di pagamento potranno generare in futuro avvisi di stato automatici, per fornire informazioni su eventuali errori, allarmi o correzioni. Per ricevere gli avvisi di stato, l’assegnazione dell’ordine deve avvenire in formato ISO.

Informazione tecnica

Gli ordini di pagamento saranno trasmessi come avvisi pain.001 secondo lo standard ISO 20022. L’attuale standard DTA sarà supportato fino alla metà del 2018 secondo la raccomandazione di SIX Interbank Clearing AG (in breve SIX), ma presso la Banca CIC fino alla fine del 2018. I cambiamenti nel traffico dei pagamenti in Svizzera non interesseranno gli ordini di pagamento nello standard MT SWIFT, che continueranno a essere supportati.

Addebiti diretti ed e-fatture

Attualmente la piazza finanziaria svizzera conosce diverse procedure di addebito diretto. Nell’ambito della standardizzazione, le banche e PostFinance attuano un processo unico a livello svizzero con un’identificazione comune degli avvisi di addebito (in formato pain.008) sulla base dello standard ISO 20022. Inoltre, l’addebito sarà integrato nel processo di fatturazione elettronica, in modo da consentire in futuro alle aziende di gestire addebiti ed e-fatture attraverso un portale comune. 

Gli attuali contratti di addebito diretto mantengono la loro validità.

LSV+/BDD (Business Direct Debit)

Si prevede che dal 2019 gli ordini di addebito diretto in formato LSV+/BDD non saranno più accettati. Gli ordini attuali saranno convertiti automaticamente nel nuovo formato, senza necessità di un’azione diretta da parte delle imprese e dei privati.

Polizze di versamento – nuova fattura QR

L’attuale varietà di polizze di versamento rosse e arancioni viene sostituita dalla nuova fattura QR con codice QR integrato. La fattura QR è adatta a tutte le modalità di pagamento e supporta la fatturazione in CHF e in EUR. Essa presenterà il numero di conto in formato IBAN e il codice dati (codice QR). Questo codice contiene tutte le informazioni essenziali di un pagamento. 

La fattura QR verrà introdotta in tutta la Svizzera alla metà del 2019. È previsto un periodo di transizione in cui possono essere utilizzate sia le polizze di versamento vecchie sia la nuova fattura QR.

 

 

La nuova fattura QR contiene il codice QR con una croce svizzera come simbolo di riconoscimento. Le persone che non vogliono utilizzare il codice QR in maniera digitale possono sempre separare l’elemento per il pagamento della fattura QR (in formato A6).

Le novità più importanti per gli emittenti di fatture:

La fattura QR può essere creata con una stampante comune perché l’elemento per il pagamento è in bianco e nero.

La fattura QR può contenere ulteriori informazioni, come l’identificativo dell’azienda o un numero della fattura riferito al destinatario della fattura, per consentire una riconciliazione automatica con il sistema contabile.

Il codice QR può per esempio essere indicato su manifesti o volantini (ad es. per donazioni) ed essere utilizzato per procedure alternative attuali o future; ci si riferisce ad esempio alla e-fattura e a TWINT.

Le novità più importanti per i destinatari di fatture:

L’elemento per il pagamento della fattura QR è in bianco e nero anziché a colori al fine di ga-rantire un contrasto migliore e quindi una maggiore leggibilità anche per persone con difficoltà visive.

Con un semplice clic è possibile registrare tutte le informazioni di pagamento, ad esempio via smartphone (mobile banking) o tramite lettore (e-banking) e inviarle alla banca. Non è più necessario acquisire manualmente o integrare successivamente i dati.

Tutte le informazioni necessarie per il pagamento sono contenute sia nel codice QR sia stampate sull’elemento per il pagamento e quindi leggibili senza ausili tecnici.

La fattura QR è disponibile anche per procedure alternative, come TWINT o la e-fattura, se offerte dall’emittente della fattura.

Informazione tecnica

Il QR Code o codice QR sostituisce la riga di codifica OCR-B contenente informazioni puramente numeriche. Nel codice QR sono integrate tutte le informazioni stampate nel documento, come il numero di riferimento PVR e la relativa comunicazione, i dati del beneficiario e dell’ordinante così come l’importo. Le aziende che fanno fatture con polizze di versamento dovranno impostare di conseguenza i loro modelli di stampa e accertarsi che il loro sistema di fatturazione sia in grado di produrre codici QR.

Avvisi e report

Per gli estratti conto si utilizzano i cosiddetti avvisi Cash Management (camt). Gli estratti conto in formato SWIFT o PDF continuano a essere disponibili.

 

Qui trovate le tipologie e la forma degli avvisi offerti precisamente dalla Banca CIC.

Informazione tecnica

Per gli estratti conto si utilizzano i cosiddetti avvisi Cash Management (camt). In base allo standard, l’estratto conto può essere richiesto alla fine della giornata con avvisi camt.053 con o senza indicazioni dettagliate. Con gli avvisi camt.052 o camt.054 è possibile ottenere gli estratti conto intraday o gli avvisi di addebito e di accredito.